Scegliere e vivere con un pavimento con piastrelle in cotto

La terracotta è uno dei materiali più antichi mai utilizzati nella costruzione di edifici. La terracotta è essenzialmente argilla che viene cotta al forno finché non diventa dura e resistente, per così essere utilizzata in ambito edilizio ma non solo. In caso di utilizzo come materiale per pavimenti, il cotto diventa una delle migliori scelte disponibili sul mercato anche se deve competere con materiali come la ceramica e il travertino. Qui puoi trovare maggiori informazioni http://en.wikipedia.org/wiki/Terracotta.

Spagna, Portogallo, Francia, Italia e Messico sono i principali produttori di terracotta e quindi anche di piastrelle in cotto, in diverse forme, colori, spessore e qualità. Guarda caso tutti i paesi qui citati sono paesi con un clima temperato o comunque caldo: ciò perché i produttori di piastrelle in cotto preferiscono far asciugare prima la terracotta al sole, per poi metterla in forno. Infatti se la terracotta fosse immediatamente messa in forno senza prima farla asciugare, il risultato finale sarebbe pessimo: la terracotta si espanderebbe e perderebbe resistenza. Ecco perché si preferisce fare questa fase di pre-cottura, prima di passare alla cottura vera e propria.

Trattamento Cotto

Pavimento in cotto trattato Quanto detto finora, dovrebbe far capire che il cotto è un materiale bello ma anche delicato e esigente. Il trattamento del cotto deve essere fatto in modo professionale e sopratutto utilizzando prodotti all'altezza della situazione. Per questo suggeriamo i prodotti Faber Chimica che garantiscono un'efficace azione di pulizia e di mantenimento.

Di norma vi sono due tipi differenti di piastrelle: quelle lavorate a mano e quelle lavorate con macchinari, che sono alquanto differenti. Le piastrelle in cotto lavorate a mano hanno un’apparenza molto più “rustica” anche per il fatto che sono lavorate con una maggiore attenzione. Piastrelle di questo tipo hanno pattern e superfici più dettagliate. Se quindi possono avere uno stile che all’apparenza può sembrare migliore delle piastrelle industriali, il colore spesso può variare. Dato che le piastrelle sono lavorate a mano e poi cotte in forni non automatizzati, la temperatura di cottura può variare: il risultato è che alcune piastrelle possono assumere una colorazione magari più opaca di altre o comunque differente.

Piastrelle in cotto per il bagno

Le piastrelle in cotto possono dare un pizzico di fascino in più al tuo bagno. Questo genere di piastrelle possono avere diverse forme, dimensioni, colori e design e possono conferire al vostro bagno un tocco moderno o classico a seconda delle vostre esigenze e preferenze. Immaginate di fare la doccia avvolto da piastrelle in cotto piene di colore magari per mettere in evidenza la colonna doccia appena acquistata e installata. Selezionando quelle più appropriate è possibile migliorare lo stile del bagno in modo personale ed unico.

Infine è possibile che alcune piastrelle, a causa del processo lavorativo che è quasi interamente manuale in questo caso, possano presentare dei piccoli fori o crepe nella superficie (anche se di solito durante il processo di lavorazione, queste piastrelle vengono eliminate).

Il pavimento in cotto lavorati con macchinari sono prodotte con un processo più veloce di produzione che ovviamente richiede meno sforzi. Uno dei punti a favore di questo processo è senza dubbio il fatto che, essendo il lavoro svolto da un macchinario automatizzato il rischio di commettere errori è praticamente pari a zero. Non solo, ma le piastrelle prodotte in tal maniera risultano praticamente una uguale all’altra: hanno tutte una superficie uniforme e liscia dato che sono prodotte “in serie”.

Ovviamente il lato negativo è che i pattern e forme delle piastrelle sono molto “standard”, raramente si riesce a trovare qualcosa di particolare o almeno ben lavorato come nel caso delle piastrelle in terracotta lavorate a mano.

Indipendentemente dalla scelta che prenderete per le vostre piastrelle, dovete essere certi che il cotto sia il materiale adatto alla vostra casa. La terracotta è un materiale molto resistente, sia ad agenti atmosferici ma anche all’utilizzo e allo sporco. Infatti pulire un pavimento in cotto, per esempio, non è un qualcosa di complicato o che richiede troppo tempo (certo molto dipende dalla superficie che si deve pulire). Uno dei metodi più semplici è quello di utilizzare uno straccio e dell’acqua.

Se invece volete pulire più a fondo è consigliabile utilizzare un detergente creato apposta per pulire le superfici in cotto. Siate certi di utilizzare il giusto prodotto o altrimenti potreste rischiare di danneggiare la superficie delle piastrelle in cotto.

Infine un ultimo consiglio che si può dare, riguarda l’installazione delle piastrelle in terracotta: optate sempre per un azienda o un professionista del settore che sia qualificato ed abbia esperienza, poiché non è un processo facile.

Referenze

Prodotti Professionali by FaberChimica: http://shop.faberchimica.com/content/15-trattamento-del-cotto
Cotto d'Este - Pavimenti in Gres Porcellanato di qualità superiore: http://www.cottodeste.it
Colonna Doccia by Amazon http://www.amazon.it/Colonna-doccia-soffione-doccetta-deviatore/dp/B00UJVE8XU/